HOME

Parlando tra amici.

Ricordi ...

Sotto el portego dea barchessa a go cumisiÓ a imparare le prime canzon. FinchŔ i omani i ndasea in neto par fare un pisoin, me mama la se metea sotto el portego a taconare ste cuatro strasse che portaimo in dosso e la me ciamava tutti noantri tosati vissin a eapar no far bordeo che i omani dormisse in pace. E lÓ, pian pianeto, soto ose, la me cantava le so canzon che mi go imparÓ e mee ricordo ancora desso.
Ghe penso sempre: come garae fato a imparare ste bee canzon? La ga fato soeo la tersa elementare, ne radio ne teevision ne scoea de musica, e la savea tutte e canzon de sto mondo!
Pensandoghe sora na olta tutti cantava cussý uno co naltro le imparava, opure so coalche sagra co i cantastorie.
Adesso inveze la me femena e i me neudi co i me sente cantare i me dize: me nono xe drio dare i numari! E ora bisogna che taza. Na olta e neude pý grande e me ga dito: sinti noantre che musica pi bea che ghemo; a ga messo su na cassetta e patatin e patatun, patatin e patatun e pa un quarto de ora la gera sempre coea. Mi so contento cussý, de avere sempre cantÓ: xee de montagna, xee de campagna, xee de core o xee de amore, feisse e contento par tutti sti ani, desso che so su pai seantacincue ani, a cantar˛ ancora fin che el bon Dio el me ciama che xÚ ora!

(Tiziano Fabris, novembre 2003)


Cito la frase riportata su un omaggio che ci ha fatto il CORO GES di Schio (VI):
"LÓ dove senti cantare sosta tranquillo. Non Ŕ mai cattiva la gente che canta."
Penso che ogni commento sia superfluo.

(Walter Bosello, novembre 2008)

HOME